Lorenzo Lotto
Madonna del latte. Circa 1515-1520 anni

Sul verso della tavola in alto appare la scritta in inglese, eseguita con inchiostro di china nero: «Nothing can excel my sweet picture is undoubted by Lionardo da Vinci and only be compared with the cartoons to establish its genuineness and to be in his grand stile ... 1779», il numero di inventario 2394 dell’Ermitage del 1859, e il sigillo di ceralacca di Paolo I.

La Vergine Maria che allatta il Bambino Gesù (lat. Virgo Lactans), è la tipologia più antica di raffigurazione di Madonna con Bambino. Nella pittura di Venezia si incontra raramente.

Durante il restauro effettuato nel 1981 al Museo Puškin, sono stati asportati strati pittorici posteriori e la vernice finale scurita; sono così emerse, accanto alla rappresentazione della Madonna con Bambino, anche figure di angeli che prima del restauro erano completamente coperte dalla raffigurazione di una cortina verde.

Dalla scritta a tergo della tavola si deduce che il quadro si trovasse in Inghilterra, dov’era considerato opera di Leonardo da Vinci. Si può ritenere che la composizione fosse parzialmente ridipinta proprio nel XVIII secolo, prima del suo arrivo in Russia, forse per conferirle una maggior somiglianza con le opere del grande fiorentino. Nella scritta citata troviamo la data «1779», che ci consente di stabilire all’incirca l’epoca dell’ingresso del quadro nella collezione dell’Ermitage.

Mostra di più
Bibliografia
Go to the full description on "Italian painting in VIII-XX centuries" catalogue.