Bernardino Fungai
Scipione l'africano e re Prigioniero Syphax. Fine del XV - inizio del XVI secolo

Tempera su canvas, doratura (trasporto da tavola)
66×166 cm
Fu acquistato nel 1902 per l'Ermitage da F.K. Russov (San Pietroburgo)
Ж-2677
Arte dell'Impero Bizantino. Arte italiana dei secoli XIII-XVI View on the hall's virtual panorama

È in coppia con la Magnanimità di Scipione, dell'Ermitage. In passato si riteneva che entrambe le opere costituissero la faccia anteriore di un cassone, cioè di un baule destinato a contenere il corredo nuziale. Tuttavia, considerando le loro dimensioni, è più probabile che fungessero da spallieri, fossero cioè dei panneaux appesi a parete.

Sul quadro sono raffigurati tre episodi delle storie del generale romano Scipione l'Africano il Vecchio (circa 235 – 183 a.C.); alleatosi al re della Numidia Orientale Massinissa, nel 203 a.C. egli sconfisse il re della Numidia Occidentale Siface.

Go to the full description on "Italian painting in VIII-XX centuries" catalogue.
  • Tempera su canvas, doratura (trasporto da tavola)
    66×166 cm
  • si trova al Museo Puškin dal 1930
    Fu acquistato nel 1902 per l'Ermitage da F.K. Russov (San Pietroburgo)
  • Ж-2677
Mostra di più
View on the hall's virtual panorama